Luoghi pastorali

Lo Statuto assegna all’organismo pastorale Caritas il compito di servire tre destinatari cui possono essere rispettivamente riferiti tre principali ambiti di azione pur mantenendo un mandato unitario di servizio e animazione:

La Chiesa, i Poveri, il Mondo

  • Centri di ascolto
  • Osservatorio sulle povertà
  • Laboratorio per la Promozione Caritas

L'ascolto è il nostro modo di servire, lo strumento che la comunità cristiana si dà per ascoltare in maniera attiva coloro che si trovano in difficoltà.

I pilastri dei centri di ascolto

  • l’accoglienza incondizionata della persona/famiglia nella sua integrità e senza distinzioni di alcun tipo;
  • l’ascolto;
  • l’orientamento attraverso una lettura delle esigenze delle persone e la successiva individuazione delle giuste soluzioni e dei servizi  pubblici e privati presenti sul territorio e rispondenti alle loro necessità;
  • la presa in carico e definizione di un progetto personalizzato capace di promuovere il protagonismo attivo del beneficiario;
  • l'accompagnamento della persona/famiglia che vive uno stato di disagio in un processo inclusivo che preveda la sua concreta partecipazione e coinvolga il più possibile la comunità.

Processi educativi

La promozione nei percorsi personalizzati di processi educativi parallelamente all'erogazione dei servizi.  Il Centro di Ascolto è lo strumento privilegiato per lo sviluppo dell'animazione pastorale nella comunità cristiana

  • promuove la capacità di ascolto nelle parrocchie e nel territorio, ovvero aiuta la comunità ecclesiale e civile a sviluppare relazioni significative con i più fragili;
  • ha il compito di captare i bisogni e di restituirli alla comunità affinché se ne faccia carico.

Dove sono i nostri centri di ascolto?

L’OPR è dunque uno strumento pastorale, funzionale al ministero della Chiesa, «un osservatorio permanente, capace di seguire le dinamiche dei problemi della gente e di coinvolgere direttamente la comunità ecclesiale in modo scientifico» ( CEI, La Chiesa in Italia dopo Loreto)

Si occupa di conoscenza sistematica e aggiornata su

  • le condizioni delle persone in situazione di disagio, delle cause e delle dinamiche di sviluppo dei loro problemi;
  • le risorse disponibili per rispondere ai loro problemi, soprattutto in termini di servizi: pubblici, privati, sia di tipo civile che ecclesiale;
  •  il quadro legislativo e normativo che le riguardano, direttamente o indirettamente.

Quali sono gli obiettivi?

  • rilevare le fragilità e le vulnerabilità sociali presenti sul territorio e le loro dinamiche di sviluppo;
  • verificare   e approfondire l’utilizzo delle risorse territoriali
  • promuovere piani di intervento in rete con altri organismi e istituzioni sulla base della valutazione dei dati rilevati. 

 L’OPR va adattato alle situazioni concrete che variano a seconda delle caratteristiche e delle risorse presenti nelle diverse zone.

Indipendentemente dal contesto di riferimento, il lavoro dell’OPR prevede la presenza di una équipe di lavoro, da dimensionare secondo gli obiettivi prefissati e le risorse disponibili.

Inoltre, le Caritas diocesane hanno a disposizione uno strumento di lavoro specifico per gestire la raccolta e l’elaborazione dei dati presso i Centri di Ascolto, si tratta del Software Ospoweb, una piattaforma informatica che ha l’obiettivo di sostenere con modalità efficaci la raccolta dei dati relativa ai centri di ascolto diocesani e parrocchiali. 

Come opera l'OPR della Caritas diocesana di Potenza, Muro lucano e Marsico Nuovo?

 L’Osservatorio delle Povertà e delle Risorse della nostra diocesi impegna le seguenti risorse:

  • Un Responsabile Diocesano
  • Due Operatori addetti all’inserimento dati
  • Un Sociologo

 

Il Laboratorio per la promozione delle Caritas parrocchiali è composto da un gruppo di lavoro promosso e coordinato dalla Caritas diocesana.

Quali funzioni?

Stimolare nelle parrocchie la consapevolezza che la testimonianza comunitaria della carità è elemento costitutivo dell’essere chiesa;

Formare gli operatori delle Caritas Parrocchiali, fornendo loro le giuste competenze in relazione al "Metodo Caritas"(Ascoltare, Osservare, Discerne per animare);

Sostenere animatori pastorali e parrocchie, offrendo formazione, coordinamento, occasioni e progetti ad hoc - nel cammino permanente del coinvolgimento e della responsabilizzazione della comunità.

ll Laboratorio è anche in stretto rapporto con il Centro di ascolto diocesano

Come opera il nostro laboratorio per la promozione delle Caritas Parrocchiali?

La Caritas diocesana di Potenza, Muro Lucano e Marsico Nuovo offre a tutte le Parrocchie della diocesi una formazione permanente.

In particolare, ogni anno si organizzano degli appuntamenti formativi itineranti: l’équipe dell’Ufficio diocesano si reca direttamente nelle sedi delle Parrocchie interessate per formare tutti gli operatori delle Caritas parrocchiali.

A tal proposito, il nostro Ufficio è sempre a disposizione delle Parrocchie che sentono la necessità di acquisire le competenze del Metodo Caritas.

Osservatorio delle Povertà e delle Risorse 

I nostri report:

Questo povero grida e il Signore lo ascolta. 

Speranza inAttesa

In Bilico